SITUAZIONE GENERALE

L'attività sessuale è una parte importante dell'esperienza umana: 365 miliardi all'anno, circa un miliardo al giorno e 13 mila al secondo. Questo è il numero di rapporti sessuali che hanno luogo sul pianeta Terra. Numeri significativi che descrivono un aspetto della vita essenziale per la salute umana e per il benessere non solo fisico ma anche bio-sociale. Come promosso dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), una vita sessuale soddisfacente è essenziale per il successo di ogni relazione, così come il benessere sessuale è fondamentale per la salute generale di una persona.

Nel 2006 l'OMS ha fornito la seguente definizione di sessualità: “…un aspetto centrale dell’essere umano nel corso della vita che comprende sesso, identità e ruoli di genere, orientamento sessuale, erotismo, piacere, intimità e riproduzione. La sessualità è vissuta ed espressa in pensieri, fantasie, desideri, credenze, atteggiamenti, valori, comportamenti, pratiche, ruoli e relazioni. Anche se la sessualità può includere tutte queste dimensioni, non tutte sono sempre esperite o espresse. La sessualità è influenzata dall’interazione dei fattori biologici, psicologici, sociali, economici, politici, culturali, giuridici, storici, religiosi e spirituali.” Ma a uno sguardo più attento, vediamo che non tutti i paesi sono uguali in fatto di intimità. Lo rivela l'Atlante mondiale della sessualità (Atlas Mondial des Sexualités), pubblicato nel 2013 dai geografi francesi Nadine Cattan e Stéphane Leroy. Un rigoroso lavoro in cui i due esperti condensano dati e statistiche sulla vita e sul benessere sessuali mappando le differenze tra i paesi della Terra.

Che cosa scopriamo sull'Europa? I greci suscitano l'invidia del vecchio continente, con 11,5 rapporti in media al mese, seguiti dai croati (11,2), serbi e montenegrini (10,7), bulgari (10,6), francesi e cechi (10,0). Per trovare gli italiani dobbiamo scendere a 8,8 rapporti al mese, come i belgi, gli spagnoli e gli slovacchi. Infine lo studio rivela anche alcune informazioni curiose sulle pratiche sessuali degli europei: il sesso telefonico è molto frequente in Grecia, dove viene praticato dal 23% della popolazione, in Austria è piuttosto comune il bondage (17%), mentre le fantasie sessuali sono più frequenti nelle persone che vivono in Svizzera (77%). Oltre alla frequenza, anche la qualità e la soddisfazione sono importanti: come affermato da uno studio pubblicato nel 2015 da Fisher et al., “la soddisfazione sessuale è legata alla buona salute, al baciarsi frequentemente, al farsi le coccole e all'accarezzarsi, al miglior funzionamento sessuale e a una maggiore felicità di coppia.” Per descrivere meglio la diversità multidimensionale esistente nell'universo della sessualità, vale la pena ricordare quanto scritto da Gary F. Kelly nella prefazione del suo libro "Sexuality Today": “…Come ogni area della ricerca scientifica, il campo della sessualità umana è pieno di controversie, anche tra i sessuologi che conducono la ricerca, costruiscono i modelli e sviluppano le teorie. Le scoperte scientifiche non sono sempre ben allineate con l'opinione sociale prevalente. Le controversie intorno alla sessualità, e ai modi in cui alimentano le differenze politiche, religiose e sociali, sono affascinanti. Per i lettori di questo testo, quelle controversie devono diventare stimolo di discussione, dibattito e autovalutazione.”

HUB-2

Letture consigliate

  • Fisher WA et al., Individual and Partner Correlates of Sexual Satisfaction and Relationship Happiness in Midlife Couples: Dyadic Analysis of the International Survey of Relationships. Arch Sex Behav (2015) 44:1609–1620
  • Kevan Wylie, A Global Survey of Sexual Behaviours. Journal of Family and Reproductive Health Journal Vol.3 No.2 June 2009
  • Nadine Cattan et Stéphane Leroy, Atlas mondial des sexualités. AUTREMENT (May 25, 2013).
  • Gary F. Kelly. Sexuality Today. 11th Edition. Clarkson University.
arrow top