Prostatite, quale legame con l'attività sessuale?
Parliamo di sesso

Prostatite, quale legame con l'attività sessuale?

Quella della prostatite, l'infiammazione alla ghiandola che produce la parte liquida dello sperma, è una condizione piuttosto diffusa negli uomini, in cui si presenta in diversi tipi. Secondo quanto riferiscono i National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases (NIDDK), dei National Institutes of Health (NIH) è il principale problema urinario negli uomini sotto i 50 anni.

Asintomatica in alcuni casi, dolorosa in altri, con fastidi soprattutto nella zona genitale, ma anche all'addome e alla schiena a volte, si manifesta con il bisogno frequente di urinare e dolore durante la minzione. L'età, insieme alle infezioni urinarie, l'uso di cateteri e i traumi sono tra i principali i fattori di rischio. Non il sesso, che però potrebbe rendere più dolorosa la condizione, senza di solito peggiorarla.

A fare chiarezza in materia di prostatite e sesso sono gli esperti della Mayo Clinic, che scrivono sul sito del loro istituto: “di solito il sesso non peggiora la prostatite. Tuttavia, alcuni uomini potrebbero provare dolore durante l'eiaculazione e questo può rendere il sesso meno piacevole”. È vero che la prostatite è spesso causata da un'infezione batterica – sottolineano ancora gli esperti – ma raramente si tratta di un patogeno che può essere trasmesso al partner per via sessuale.

Tuttavia, in casi rari la prostatite può essere causata da un'infezione a trasmissione sessuale. Bisogna quindi prestare attenzione: se si hanno sfoghi nell'area genitale o secrezioni anomale dal pene il consiglio è di astenersi dai rapporti in attesa della visita di un medico.

HFTHQ_20-33
Referenze bibliografiche

Prostatitis: Can sexual activity make it worse? - Mayo Clinic

Potrebbero interessarti anche