Iperplasia prostatica benigna (IPB): quali alimenti preferire e quali evitare?
Iperplasia prostatica benigna

Iperplasia prostatica benigna (IPB): quali alimenti preferire e quali evitare?

L'IPB è il tumore più comune negli uomini. Come dice il nome, è una neoplasia benigna della ghiandola sessuale maschile, la prostata. Questa è strategicamente localizzata attorno all’uretra, nel punto in cui si unisce alla vescica; pertanto, ingrandendosi può alterare la regolarità delle abitudini urinarie e causare ulteriori complicazioni alla vescica e ai reni. La prostata inizia a crescere di dimensioni intorno ai 30 anni poi segue la regola dei 50: l’ingrossamento prostatico si verifica nel 50% degli uomini sopra i 50 anni, ma per fortuna, causando problemi solo nel 50% dei casi. I sintomi comuni di IPB includono la frequente e urgente necessità di urinare anche durante la notte, la difficoltà a iniziare e a mantenere un flusso di urina costante o l'incapacità di svuotare completamente la vescica. È interessante notare come le dimensioni della prostata non siano necessariamente correlate con la gravità dei sintomi.

 

Sintomi dell'IPB: la dieta gioca un ruolo?

Oltre alle varie opzioni terapeutiche disponibili, dalle pillole alle tecniche chirurgiche mini-invasive, recenti ricerche hanno dimostrato un ruolo terapeutico positivo nel cambiamento delle abitudini alimentari. Cambiare dieta è risultato efficace nella gestione dell'IPB come unico trattamento per i sintomi lievi o come coadiuvante dei farmaci orali. Includendo alcuni gruppi alimentari nella dieta ed evitandone altri, si può intervenire sulla naturale progressione dei sintomi dell'IPB sia attraverso la riduzione delle dimensioni, che della disfunzione prostatica.

 

Alimenti da preferire

Sono da preferire le proteine di origine vegetale, contenute in frutta e verdura fresca, rispetto a quelle di origine animale. Ciò è dovuto al fatto che i vegetali hanno un contenuto inferiore di acidi grassi insaturi riducendo così il rischio di IPB. Inoltre, frutta e verdura, contengono sostanze che proteggono naturalmente dall'IPB:

  • Frutti di bosco e pomodori sono ricchi di antiossidanti che proteggono l'organismo dai prodotti tossici del metabolismo.
  • Anche le piante della famiglia dei cavoli sono una ricca fonte di elementi protettivi per la prostata.
  • Gli agrumi, ricchi di Vitamina C, aiutano a mantenere l'integrità della prostata.
  • I composti bioattivi contenuti nell’aglio contribuiscono ad abbassare la produzione di colesterolo e la sintesi di acidi grassi; pertanto ostacolano la progressione dell'IPB.
  • Mandorle, noci, noci pecan e semi di zucca contengono zinco che interferisce con gli enzimi responsabili dell’ingrossamento della prostata.
  • La Serenoa Repens, noto estratto vegetale, aiuta a mantenere la regolare funzionalità della prostata mediante diversi meccanismi.

 

Alimenti da evitare

Altri alimenti, al contrario, potrebbero non aiutare la salute della prostata. Quindi, dovrebbero essere scoraggiati.

  • Come per la carne rossa, ridurre il consumo di latticini, come latte, formaggio e burro, può aiutare ad alleviare i sintomi dell'IPB.
  • Ridurre bevande contenenti caffeina e cioccolato diminuirà la frequenza e l'urgenza urinaria.
  • Lo stesso vale per l'alcol che stimola la produzione di urina.
  • Adottare una dieta a basso contenuto di sodio, utilizzando alternative al sale e riducendo i pasti elaborati, può essere un bene per la prostata come lo è per il cuore.

Per concludere, semplici cambiamenti nella dieta e nello stile di vita possono aiutare molti uomini a ridurre i loro sintomi correlati all’IPB, in modo naturale. Una dieta sana a basso contenuto di prodotti di origine animale ma ricca di verdura fresca, frutta e pesce potrebbe proteggere la prostata. Una dieta sana aiuta ad avere una prostata sana.

 

Ahmed M. Ragheb, MD, PhD, FECSM

Assistente professore di Urologia, Università Beni-Suef, Il Cairo, Egitto

HFTHQ 21-20
ESSM
Content written by ESSM View all ESSM contents
Referenze bibliografiche

Foods to eat - 2018

Benign prostate hyperplasia and nutrition - K. Das, N. Buchholz - 2019

Potrebbero interessarti anche

Eiaculazione precoce e vita di coppia: i punti di vista di uomini e donne
News
Eiaculazione precoce

Eiaculazione precoce e vita di coppia: i punti di vista di uomini e donne

L'eiaculazione precoce (EP) è una condizione angosciante, in cui un uomo eiacula rapidamente, prima di quanto lui (o la partner) desideri. L'EP può avere diversi impatti psicologici sia sugli uomini che sulle loro partner. Molti uomini con EP possono provare ansia, imbarazzo, depressione, rabbia e senso di colpa, mentre le loro partner possono essere frustrate a causa della delusione e dell'insoddisfazione nella loro relazione sessuale. Pertanto, la PE ha significative ripercussioni negative sulle relazioni di coppia.  

COVID-19 e disfunzione erettile: cosa c'è da sapere e come agire
News
Disfunzione erettile

COVID-19 e disfunzione erettile: cosa c'è da sapere e come agire

Nell'ultimo anno e mezzo, il COVID-19 ha dominato la scena globale. La pandemia ha gravato enormemente sul sistema sanitario, sull'economia e soprattutto sulla salute individuale; i numerosi lockdown e il costante senso di incertezza hanno generato stress e impattato la salute fisica. Questo ha avuto ripercussioni anche sulle relazioni interpersonali.