Iperplasia prostatica benigna
Iperplasia prostatica benigna

Iperplasia prostatica benigna

I sintomi del basso tratto urinario, difficoltà a urinare o svuotare completamente la vescica legate all'iperplasia prostatica benigna, possono essere un campanello d'allarme per un'altra patologia estremamente comune nel sesso maschile: la disfunzione erettile. A suggerirlo è uno studio bosniaco pubblicato sulla rivista Medical Archives, che ha coinvolto 150 uomini tra i 40 e i 60 anni. I pazienti, tutti in terapia per una iperplasia prostatica benigna, sono stati divisi in tre gruppi in base alla gravità dei sintomi sperimentati, ed è quindi stata valutata la loro capacità di erezione utilizzando l'International Index of Erectile Function (IIEF), uno strumento diagnostico validato a livello internazionale per l'analisi delle difficoltà erettive. I risultati hanno dimostrato che l'incidenza di disfunzione erettile è correlata alla gravità dei sintomi del basso tratto urinario e alle dimensioni della prostata: all'aumentare della gravità dei sintomi, e della grandezza della prostata, aumenta la probabilità di soffrire di disturbi di erezione. La relazione tra dimensioni della prostata e disturbi nella minzione, sottolineano gli autori della ricerca, non è ancora stata chiarita. Ma entrambe le variabili sembrano collegate ad una maggiore incidenza di disturbi dell'erezione. Per questo, i ricercatori bosniaci sottolineano l'importanza di sottoporre tutti i pazienti con iperplasia prostatica benigna a screening per verificare la presenza concomitante di disturbi della sfera sessuale.

HFTHQ17001d

Potrebbero interessarti anche

Problemi sessuali e urologici: ne soffre un italiano su due
News
Parliamo di sesso

Problemi sessuali e urologici: ne soffre un italiano su due

Salute sessuale del maschio italiano, bene ma non benissimo. I dati emersi dalla campagna di prevenzione #Controllati, promossa dalla Società Italiana di Urologia con il contributo non condizionante di Menarini, sono poco confortanti.

TRATTAMENTO
APPROFONDIMENTO
Iperplasia prostatica benigna

TRATTAMENTO

Quando il peggioramento dei sintomi dell'iperplasia prostatica benigna arriva a influenzare negativamente la qualità della vita del paziente, è possibile somministrare delle cure che possono essere farmacologiche o, per i casi più gravi, anche chirurgiche, adottando tecniche molto innovative.

CHE COSA FARE
APPROFONDIMENTO
Iperplasia prostatica benigna

CHE COSA FARE

Si tratta di una malattia molto comune, ma circa il 50% degli uomini con la IPB non lamenta sintomi né disturbi, quindi non sono necessari trattamenti specifici.