CHE COSA FARE
Iperplasia prostatica benigna

CHE COSA FARE

Si tratta di una malattia molto comune, ma circa il 50% degli uomini con la IPB non lamenta sintomi né disturbi, quindi non sono necessari trattamenti specifici. Una volta diagnosticata la IPB, l'urologo continuerà a monitorare la situazione per intercettare in tempo utile eventuali peggioramenti della patologia. Sebbene non sia possibile agire sui fattori di rischio principali quali invecchiamento o storia familiare della IPB, esistono altri fattori di rischio che possono essere modificati con qualche sforzo: sovrappeso, vita sedentaria, dieta povera di frutta e verdura e abuso d'alcol.

Anche per gli uomini che sviluppano i fastidiosi sintomi di questa condizione è possibile prendere delle precauzioni per limitarne la severità o per eliminarli del tutto. Ad esempio, evitare l'assunzione di caffè, alcol e altre bevande diuretiche che spingono il corpo a espellere i fluidi più velocemente, inducendo a una minzione più frequente. Anche alcune medicine possono influenzare la minzione e, se possibile, sarebbe meglio evitarle: antistaminici, decongestionanti (tipo spray nasali) e altri farmaci antiallergici.

Una strategia utile è quella di limitare il consumo di liquidi nelle situazioni in cui urinare può essere imbarazzante o complicato; tuttavia questo approccio deve essere utilizzato solo in casi specifici poiché l'assunzione giornaliera complessiva di fluidi non dovrebbe essere inferiore ai 2,5-3 litri, per evitare il rischio di infezioni del tratto urinario. Inoltre è possibile allenare la vescica a contenere più urina, ad esempio cercando di trattenerla più a lungo del normale prima di andare in bagno, oppure ricorrendo alla tecnica del doppio svuotamento, che consiste nell'urinare due volte a distanza di pochi minuti. Così facendo si aumentano le probabilità di svuotare completamente la vescica prima di uscire dal bagno.

HUB-2
Referenze bibliografiche
Wilt, T.J., N'Dow, J., Benign prostatic hyperplasia. Part 2—management, BMJ.
Muruganandham, K., Dubey, D., Kapoor R., Acute urinary retention in benign prostatic hyperplasia: Risk factors and current management, Indian J. Urol.
Elhilali, M., Vallancien, G., Emberton, M. et al., Management of acute urinary retention (AUR) in patients with BPH: A worldwide comparison, J. Urol.
Bradley, C.S. et al., Evidence for the Impact of Diet, Fluid Intake, Caffeine, Alcohol and Tobacco on Lower Urinary Tract Symptoms: A Systematic Review, J. Urol.
Fitzpatrick, J. et al., Management of acute urinary retention: a worldwide survey of 6074 men with benign prostatic hyperplasia, BJU Int.

APPROFONDIMENTO

Potrebbero interessarti anche

Iperplasia prostatica benigna
News
Iperplasia prostatica benigna

Iperplasia prostatica benigna

I sintomi del basso tratto urinario, difficoltà a urinare o svuotare completamente la vescica legate all'iperplasia prostatica benigna, possono essere un campanello d'allarme per un'altra patologia estremamente comune nel sesso maschile: la disfunzione erettile.

Problemi sessuali e urologici: ne soffre un italiano su due
News
Parliamo di sesso

Problemi sessuali e urologici: ne soffre un italiano su due

Salute sessuale del maschio italiano, bene ma non benissimo. I dati emersi dalla campagna di prevenzione #Controllati, promossa dalla Società Italiana di Urologia con il contributo non condizionante di Menarini, sono poco confortanti.

TRATTAMENTO
APPROFONDIMENTO
Iperplasia prostatica benigna

TRATTAMENTO

Quando il peggioramento dei sintomi dell'iperplasia prostatica benigna arriva a influenzare negativamente la qualità della vita del paziente, è possibile somministrare delle cure che possono essere farmacologiche o, per i casi più gravi, anche chirurgiche, adottando tecniche molto innovative.