Un cuore in salute? Aiuta anche sotto le lenzuola

Mantenere in salute il sistema cardiovascolare aiuta a prevenire anche problemi della sfera sessuale. A dimostrarlo è uno studio pubblicato sull'American Journal of Hypertension da parte di un'équipe di ricercatori della Northswestern University di Chicago (e altri istituti di ricerca), che conferma l'esistenza di un legame diretto tra salute cardiovascolare e rischio di sviluppare disfunzione erettile nel corso della vita. La ricerca si è concentrata in particolare sui sette principali fattori di rischio per i disturbi dell'apparato cardiocircolatorio: ipertensione, colesterolo, alti livelli di glucosio nel sangue, sovrappeso e obesità, fumo, vita sedentaria e dieta sbilanciata.

Assegnando a ciascuno un valore tra 0 (maggiore rischio possibile) e 2 (minor rischio possibile) questi fattori di rischio possono essere usati per calcolare la cardiovascular health, o salute cardiovascolare: un valore che aiuta a capire il rischio assoluto che ha un individuo di soffrire di problemi cardiovascolari, e che fino ad oggi non era mai stato collegato con la probabilità di soffrire di disfunzione erettile. Per scoprire il possibile legame con disturbi dell'erezione i ricercatori hanno seguito la storia clinica di 1136 ultrasessantenni per dieci anni, dimostrando che una buona salute cardiovascolare - cioè la minore presenza di tutti e sette i fattori di rischio – è legata a una minore incidenza di disfunzione erettile nel corso della vita. "Per questo, cambiando il proprio stile di vita gli uomini potrebbero prendere i proverbiali due piccioni con una fava - spiega Abbi Lane-Cordova, primo autore del lavoro - preservando allo stesso tempo la salute cardiaca e sessuale".

Gli autori dello studio, comunque, specificano che il monitoraggio della funzione erettile è stato eseguito una sola volta nell'arco della decade di osservazione: sarà importante, dunque, approfondire il tema con monitoraggi più frequenti per comprendere se e come eventuali cambiamenti nel tempo dei fattori di rischio si trasmettono in miglioramenti o peggioramenti della salute sessuale.

HFTHQ17001o